Piattaforme per la raccolta di fondi più attive in Italia (e come scegliere quella giusta)

1 min read

Per trasformare il proprio progetto in realtà, e diventare imprenditori di successo, è necessario avere un budget di partenza. Se questo non c’è, si può ricorrere al microfinanziamento dal basso attraverso piattaforme di crowdfunding. Come scegliere quella più giusta?

Economyup.it ha realizzato una vera e propria mappatura di tutte le piattaforme di crowdfunding attive in Italia, classificate in base alla loro tipologia. Sebbene tutte abbiano la stessa struttura – i siti web fanno da piattaforma e permettono ai foundraiser di presentare le loro idee a potenziali finanziatori -, le piattaforme di crowdfunding sono state classificate in base alle loro caratteristiche in diverse categorie.

1. Piattaforme reward based

Si tratta del modello più classico: in cambio di donazioni in denaro i finanziatori ricevono ricompense come il prodotto per il quale si sta offrendo denaro oppure un riconoscimento, come il ringraziamento nei canali social del foundraiser.

Fanno parte di questa categoria siti come Be Crowdy, Book a Book, Distribuzioni dal Basso, Eppela, Gigfarm, Ginger, Ulule e molte altre.

2. Piattaforme donation based

Questa tipologia di crowdfunding viene utilizzata soprattutto dalle organizzazioni no profit per finanziare iniziative senza scopo di lucro.

Sono esempi di crowdfunding donation based siti come Let’s Donation, Meridonare, Rete del Dono e Universitiamo.

3. Piattaforme lending based

Siti come Borsa del Credito, Prestiamoci, Smartika effettuano microprestiti a persone o imprese.

4. Piattaforme equity based

Quello modello di crowddfunding è regolamentato dalla Consob: in cambio del finanziamento versato è prevista la partecipazione del finanziatore al capitale sociale dell’impresa, diventandone così socio a tutti gli effetti.

Sono esempi siti come Cofyp, Crowd 4 Capital, CrowdFundMe, Fundera, Mamacrowd e MuumLab.

5. Piattaforme ibride

Si tratta di piattaforme basate su più modelli di finanziamento, come Buona Causa, Gueenfunding, Donor Donee, Innamorati della Cultura e Terzo Valore.

 

Written by Martina

Laureata in Scienze e Tecnologie della Comunicazione presso lo IULM. Oltre a studiare, lavora in un ufficio stampa e scrive per NinjaMarketing. Su Sharing as Caring gestisce la sezione dedicata al crowdfunding.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: